I bambini dovrebbero poter fare un percorso che li “emozioni”

Ogni bambino, è diverso dall’altro; la bellezza sta nel cogliere le loro caratteristiche, senza necessariamente volerle modificare; perché oggi se sei troppo sensibile, vieni “pestato”, se troppo chiuso vieni additato …Quanti bambini, non possono più sognare, quanti ancora non possono esprimersi  perché negli schemi di oggi non c’è spazio. La famiglia, la scuola potrebbero essere luoghi nei quali costruire una coscienza capace di accogliere, di dare importanza alle caratteristiche personali…

La scuola e la famiglia come luoghi dove, l’anima può venire fuori, emozionarsi e partecipare alla costruzione della persona.

Rispondi