Leggere ai bambini

Leggere apre le porte alla fantasia, contribuisce allo sviluppo della creatività e permette di aprire porte nella mente di ognuno di noi.  I bambini, hanno bisogno di sapere che la lettura non è solo un compito che gli daranno a scuola, leggere non può ridursi solo a questo, leggere aiuta i pensieri a “diventare grandi”

I bambini, meglio felici che bravi 

Lavorare con i bambini è un privilegio; osservarli crescere e cambiare giorno per giorno è la vera magia. Li vedi cadere e rialzarsi e li vedi agire secondo le loro “teorie sul mondo”.  Durante l’infanzia si apprende, e lo si fa anche attraverso i momenti di gioia e divertimento. I bambini imparano facendo: facendo errori,

Se mamma dice no, io urloooo

La mamma mi dice no…. e io adesso urlooooo! È una dura prova per tutte, soprattutto quando capita in pubblico e tutti gli sguardi sono su di noi; è quello il momento per imparare ad affrontare questa situazione senza subirne “il ricatto”: non dobbiamo cedere se abbiamo detto “no”. Cedere, assecondare il capriccio perché ci

Non è mai abbastanza 

Di esperienza , crescendo pensiamo di averne accumulata, così diamo per scontato ciò che accade, ciò che ci sfiora e anche ciò che non dovrebbe sfiorarci; chiediamo ai bambini di correre lungo il tempo e non lasciamo che sentano,  e la vivano a pieno; chiediamo loro di respirarla freneticamente. Invece, per noi, per i bambini,

Il contesto in cui i bambini vivono conta

I bambini imparano ciò che vivono, imparano in base al contesto in cui crescono e fanno esperienza. A casa e a scuola il contesto influenza e agisce sul loro carattere. Vi auguro una buona Domenica con le parole di Dorothy Law Nolte, insegnante, pedagogista che è riuscita a dare corpo, in una splendida poesia a

Anche gli errori vanno rispettati, i bambini non vanno umiliati 

Il processo di apprendimento è complesso, non tutti i bambini hanno le stesse competenze e hanno quindi necessità di metodi differenziati nel rispetto dei tempi… Quando usiamo parole taglienti riferite ai bambini, quando li umiliamo facendo paragoni con gli altri o peggio davanti agli altri, succede che loro non se lo aspettano, succede che loro

Percezione del tempo per i bambini 

Un bambino dai 3 ai 5 anni, ha la percezione del solo tempo presente. “Qui e ora” , per non caricarlo di ansie e pensieri poco chiari, meglio evitare di elencare tutte le cose da fare durante una settimana…Ciò che un bambino sta facendo in un determinato momento è tutto il suo universo temporale. La