Mettersi nei panni di…

La capacità di “mettersi nei panni” o meglio di comprendere e percepire lo stato d’animo degli altri si chiama empatia, è ciò che ti permette di sentire dentro, ciò che prova l’altro; mi piace immaginare il cuore che pensa.

Credo, sia molto importante che anche nei bambini, di pari passo con la conoscenza si sviluppi questa capacità di immedesimarsi. Noi genitori, possiamo fare molto, mostrandoci nella naturalezza, anche quando proviamo forti emozioni, possiamo accompagnare i nostri bimbi verso la conoscenza dell’empatia, spiegando loro, in modo semplice, perché siamo felici o perché siamo tristi e lasciando che le nostre emozioni “facciano capolino”; potremmo arrivare a meravigliarci, di come loro  leggono dentro di noi, quanto amore incondizionato possono darci. Quando lasciamo, le nostre emozioni libere di esprimersi per un avvenimento, attraverso di noi, i bambini imparano come si può reagire. In questo modo possiamo renderli più forti, più capaci di amare. Più capaci di empatia… 

        Avremo più cuori che pensano!

La più alta espressione dell’empatia è nell’accettare e non giudicare.

(Carl Rogers)

Diamo ai bambini cuori che pensano


Rispondi