Cari genitori 

Con questa lettera, scrivo anche a me come mamma, perché voglio rafforzare ciò in cui credo…

Cari genitori, ogni mattina accompagnate a scuola, una “parte di voi” la parte più importante. Dovete sapere, che i bambini a scuola, giocano, giocano molto ed imparano sul mondo e del mondo, attraverso la relazione con i compagni e le insegnanti. Dovete sapere, che imparano la condivisione e la imparano anche attraverso “lotte e litigi”, imparano la gratitudine attraverso l’attesa, perché a scuola, ci sono tempi differenti visto che i bambini sono molti di più, di quelli con cui di solito, voi, a casa avete a che fare. Abbiamo più di due paia di scarpe da allacciare, più di un codino o di una treccia da rifare, abbiamo più di un naso da soffiare, abbiamo, più di un sederino da pulire, abbiamo più di un bambino da seguire. Abbiamo più di due occhi da incrociare, più di poche lacrime da asciugare, più di un racconto da ascoltare e valorizzare, più di un sorriso da ricambiare, più di una storia da conoscere rispettare. Cari genitori, abbiamo più di un bambino da accogliere e da accompagnare; abbiamo attività da programmare e da modellare, perché, cari genitori, dovete sapere che per noi maestre, i bambini non sono tutti uguali, partiamo dalle loro differenze, per iniziare a “progettare”. Cari genitori, vorrei provaste a saper aspettare, i frutti necessitano di tempo per maturare; tempo e cura, per fiorire, noia e stimoli per maturare, conflitti e bernoccoli per avanzare. Dovete sapere che li vediamo e li osserviamo sperimentare: con la luce, con l’acqua, con i colori, con le parole con tutti i materiali, li vediamo costruire, castelli e relazioni; i vostri bimbi ci danno grandi abbracci e ci leggono negli occhi…

Cari genitori, quando accompagnate i vostri bambini a scuola, accompagnate un pò di voi, noi lo sappiamo, noi vi conosciamo attraverso loro; cari genitori, dovete sapere che noi maestre andiamo a casa e pensiamo a loro, andiamo a fare la spesa e se vediamo quella carta particolare per un’attività da fare, cediamo e la compriamo, che stiamo in pensiero se si fanno male. Dovete sapere, che conosciamo quali sono i vostri colori preferiti dai loro racconti, che sappiamo quanto amate i vostri bambini e vorrei dirvi che è importante che loro, imparino a condividere, a vivere le emozioni, a giocare, a ringraziare, ad aspettare, a stare bene e a rispettare, poi a scrivere, leggere e contare. 

Il mondo di un’insegnante è grande quanto sono grandi gli occhi e i sogni dei bambini che accompagna… ila

Rispondi