I bambini, meglio felici che bravi 

Lavorare con i bambini è un privilegio; osservarli crescere e cambiare giorno per giorno è la vera magia. Li vedi cadere e rialzarsi e li vedi agire secondo le loro “teorie sul mondo”. 

Durante l’infanzia si apprende, e lo si fa anche attraverso i momenti di gioia e divertimento. I bambini imparano facendo: facendo errori, facendo cose, facendo esperienza; poi anche annoiandosi e usando fantasia e immaginazione. Lo stare con i compagni a scuola e trascorrendo del tempo con loro aiuta ancora di più il processo di apprendimento. Ma, questo, non vuol dire che i bambini non abbiano dei tempi da rispettare, o debbano essere “bravi” . I bambini dovrebbero essere felici, il messaggio che noi grandi dovremmo dare loro è che è più importante concentrarsi ed interessarsi al cammino della vita e non solo  sui risultati, da ottenere. Spesso è un voto a scuola a determinare la bravura di un bambino … Beh a mio avviso i bambini sono molto altro e noi dobbiamo ripetergli spesso che li amiamo  incondizionatamente e in ogni momento, non importa quali errori fanno o faranno in futuro, che sono persone meravigliose come gli altri. Caricare i bambini delle nostre aspettative è un errore, giudicarli in base ai soli voti anche, perché dovremmo comprendere e rispettare i loro tempi (che sono tutti diversi) e lasciarli  liberi di esplorare e trovare ciò che li rende felici. 

Rispondi