Se mamma dice no, io urloooo

La mamma mi dice no…. e io adesso urlooooo! È una dura prova per tutte, soprattutto quando capita in pubblico e tutti gli sguardi sono su di noi; è quello il momento per imparare ad affrontare questa situazione senza subirne “il ricatto”: non dobbiamo cedere se abbiamo detto “no”. Cedere, assecondare il capriccio perché ci sentiamo in imbarazzo, è un atteggiamento antieducativo, che se prolungato nel tempo disorienta i nostri bambini. Il pianto e le urla attirano gli sguardi e i giudizi , questo è sicuramente fuorviante e difficoltoso da gestire  perché il modo di intendere e “educazione” è cambiato negli anni al punto che, non è più un fatto da condividere in società ma si tratta di qualcosa relegato alle mura domestiche o alle volte solo alla scuola. Continuare a porre limiti e regole è importante per rassicurare i bambini e per svolgere al meglio  il nostro difficile compito di educatori…

Rispondi