Mamma credi in me?

Come trasmettere ai bambini l’autostima? Come dimostrare che crediamo in loro? Qui il mio ruolo da mamma, spesso, mi vede, per i motivi che credo tutte voi mamme capite bene,  sostituirmi a loro sia per fretta (chissà perché il tempo per noi genitori vola) perché vogliamo aiutarli… insomma con le migliori intenzioni.

Diverso è il discorso da insegnante, dove al contrario il mio tempo si dilata, lasciandomi la possibilità di osservarli e lasciarli fare da soli.

Questo mi ha permesso di fare osservazioni, ipotesi e mi aiuta anche da mamma.

Fare da soli, per i nostri bambini è sicuramente il miglior “trampolino di volo”, a scuola spesso, mi capita di vedere i bambini impegnatissimi con i lacci delle loro scarpe oppure nel mescolare due colori a tempera con la voglia di trovare “la tonalità” giusta; in questi casi, secondo voi, intervengo? La risposta è no, osservo, perché credo sia una bellissima opportunità che ho per creare situazioni che li portano verso l’autonomia e l’autostima anche soprattutto ad accettare e conoscere i propri limiti; osservo le strategie che i bambini in modo così diverso mettono in atto per raggiungere i loro obiettivi.

È importante non etichettare i bambini, giudicandoli in base al loro comportamento, soprattutto cerchiamo di stare attenti alle proposte che facciamo loro, perché avere limiti è normale, sentirsi inadeguati è brutto; lasciamo che provino da soli ma se non riescono rassicuriamoli del fatto che a modo loro con più tempo riusciranno. Quando stanno facendo i loro giochi, mi sforzo di non rispondere dando giudizi tipo bello o brutto, piuttosto, è importante dare voce a ciò che il nostro bimbo voleva costruire. Cerco di dargli compiti che sono adeguati alla sua età ma anche alle sue capacità, evito i paragoni (almeno ci si può provare); i bambini sono unici, come lo sono le loro capacità e il tempo di imparare. Crediamo in loro, non solo a parole, nei gesti.

Osa diventare ciò che sei. E non disarmarti facilmente. Ci sono meravigliose opportunità in ogni essere. Persuaditi della tua forza e della tua gioventù. 

Rispondi