Mamma non mandarmi a scuola 

Quante volte abbiamo sentito i nostri bambini pronunciare questa frase ? Quante volte abbiamo tentato tutte le strategie che erano in nostro potere per rassicurarli e non siamo riuscite a farlo?! Troppe, ogni volta con la sensazione di cedere anche noi allo sconforto più totale, pensando subito di buttare tutta la colpa sulla scuola… O peggio su di noi .

In realtà, pur se ogni bambino è a sè, e noi siamo sicuramente bravi genitori, ci sono alcuni accorgimenti che possiamo usare in questi casi.  Se sappiamo che il nostro bimbo, fa così al mattino, facciamo in modo di avere tempi più distesi, per fermarsi e respirare insieme; così da calmare la situazione. Diamo un nome a come si sente il nostro bimbo, in modo che lui capisca che sentiamo ciò che sente, siamo in empatia con lui, non minimizziamo perché ogni persona ha il diritto di provare i sentimenti con l’intensità che lo caratterizza. Quando le cose sembrano essere più tranquille, si può provare a cercare insieme una soluzione, senza pensare di essere un genitore incapace; fare il genitore è il mestiere più difficile del mondo, a nessun genitore piace veder piangere il proprio bimbo. 

È necessario che non si viva la situazione sentendosi in colpa. Abbiamo il compito di dare gli strumenti ai nostri bambini per affrontare le sfide…

Anche i bambini hanno diritto di essere preoccupati, loro vivono così alcuni cambiamenti…Accogliere e dare voce può aiutare.

Rispondi