Percezione del tempo per i bambini 

Un bambino dai 3 ai 5 anni, ha la percezione del solo tempo presente. “Qui e ora” , per non caricarlo di ansie e pensieri poco chiari, meglio evitare di elencare tutte le cose da fare durante una settimana…Ciò che un bambino sta facendo in un determinato momento è tutto il suo universo temporale. La

Primo giorno di scuola 

Per le famiglie, per i bambini che in questi giorni hanno fatto acquisti, organizzato, etichettato i quaderni e le matite; ma anche le emozioni e le paure per l’inizio di un nuovo percorso.  Sono sicura che non sarà privo di alti e bassi da attraversare ma da insegnante, non posso che pensare che, anche nei

Mamma non mandarmi a scuola 

Quante volte abbiamo sentito i nostri bambini pronunciare questa frase ? Quante volte abbiamo tentato tutte le strategie che erano in nostro potere per rassicurarli e non siamo riuscite a farlo?! Troppe, ogni volta con la sensazione di cedere anche noi allo sconforto più totale, pensando subito di buttare tutta la colpa sulla scuola… O

Avvicinare i bambini al mondo dell’arte

Anche io mi sono avvicinata all’arte, anzi alle arti , ( perché fortunatamente le forme sono molteplici) con i bambini. Un’esperienza, che di giorno in giorno, coltivo e alimenta la passione per la meraviglia e per l’educazione a questo sentimento.  L’arte, bisogna viverla, bisogna raccontarla come una fiaba il cui finale si crea, pur se

Ruolo dell’adulto e emozioni dei bambini 

I nostri bambini, fortunatamente, nascono dotati di “emozioni”, la loro capacità di provare rabbia, gioia, tristezza, ha necessità della mediazione di noi adulti.  Loro, non sono capaci di regolare l’intensità delle emozioni, ne sono in balia, perché non sono ancora in grado di prendere le distanze. Vivono e sentono le emozioni in modo “forte” e

Un bimbo forte come il mare 

Ho imparato che l’ascolto non puoi davvero “ascoltarlo” solo con le orecchie.  Ho imparato che le parole, hanno bisogno  di “essere guardate” e quanto male può fare quando questo non avviene.  Ho imparato, l’ostinazione di una madre nel voler fortemente che il suo bambino fosse uguale agli altri. Ho imparato che ci sono lacrime molto